Da circa vent'anni lavoro occupandomi di temi quali l'identità, la memoria e il ricordo, ma anche la caducità, l'effimero, l'oblio.
Tecnicamente utilizzo strumenti e materiali operando per sottrazione rappresentativa, restituendo solo evanescenze o ombre dei soggetti raffigurati. Le immagini così prodotte appaiono incerte tra il loro compiersi e il loro disfarsi, in bilico su di una soglia in uno stato di ostinata apertura o di inesausto movimento, evocando figure o forme ben visibili ma nello stesso tempo inconsistenti, senza materialità corporea.